I generi narrativi

generi narrativiLa narrativa di genere è un tipo di narrazione di massa che punta ad essere apprezzata dagli amanti di un determinato genere narrativo.

Credo che tutti abbiamo un genere che preferiamo rispetto ad altri. Quando compriamo un libro, scegliamo un film o ci approcciamo ad un qualsiasi prodotto di intrattenimento, scegliamo, o quanto meno consideriamo, sempre per primo quello più affine al nostro genere preferito.

Ma cos’è la narrativa di genere?

INDICE

Narrativa di genere vs narrativa mainstream

La narrativa di genere è sempre stata considerata “narrativa di serie B”, questo perché solitamente viene ritenuta una forma di letteratura commerciale e soggetta quindi alle leggi di mercato, che punta più al pubblico di massa rispetto ad uno più “raffinato”.

Oggi in realtà non è proprio così, anche perché la storia ci ha insegnato che moltissimi sono gli autori di genere che hanno pubblicato veri e propri capolavori della letteratura.

George Orwell, Stephen King, Umberto Eco, Tolkien e Henry James, per citare alcuni dei più importanti.

Ciò che distingue un romanzo di genere da uno mainstream sono tutti quegli identificativi che servono a contestualizzare il racconto in un determinato genere. Questi possono essere tematiche, ambienti, personaggi e situazioni.

Convenzioni della narrativa di genere

La narrativa di genere segue quindi quelle che sono delle vere e proprie convenzioni. Gli elementi tipici di un genere narrativo fanno parte di queste convenzioni.

Determinati elementi narrativi formano il genere, ma non sempre è facile distinguere a quale gruppo appartenga un romanzo, perché si possono avere delle commistioni di genere che rendono difficile questa interpretazione.

Quando si scrive narrativa di genere bisogna prestare molta attenzione ad elementi convenzionali perché il pubblico di riferimento potrebbe non apprezzare le scelte innovative dell’autore. Allo stesso tempo si dovrebbe cercare di innovare, altrimenti ci si limita a scrivere seguendo gli archetipi del genere scelto e si porta a casa il semplice compitino.

Scrivere narrativa di genere è comunque più semplice, ma non meno complesso. Si può infatti attingere a tutte le convenzioni e alle caratteristiche proprie del genere per ritrovarsi con un’architettura già pronta, ma bisogna comunque costruire il mondo in cui ambientare le vicende.

I generi narrativi:

Avventura

Il genere avventura si distingue per i viaggi intorno al mondo e per i luoghi solitamente esotici. Sono storie di cacciatori di tesori, di pirati, di naufraghi ed esploratori. L’ambientazione di solito è realistica o verosimile, e la ricerca storica è molto accurata su ambientazioni, mitologie e culture.

Tra i romanzi consigliati sicuramente i grandi classici di Jules Verne, Viaggio al centro della Terra, Il giro del mondo in 80 giorni e Ventimila leghe sotto i mari. Consigliati anche i romanzi di Clive Cussler, in particolare i cicli di Dirk Pitt e degli Oregon Files.

Fantascienza

Che sia il futuro o un presente alternativo, i romanzi fantascientifici si distinguono per un ampio uso che viene fatto della tecnologia. Di solito la fantascienza viene influenzata dagli altri generi, ma è proprio la caratteristica della tecnologia avanzata a distinguerla.

Il ciclo della Fondazione di Isaac Asimov è un ottimo punto di partenza, ma sento di dover citare anche Philip K. Dick, con La svastica sul Sole. Visto che sono due autori molto impegnativi, cito anche Douglas Adams con Guida galattica per autostoppisti, così da inserire qualcosa di più leggero.

Fantasy

Elementi sovrannaturali, magia, mondi fantastici ( citazione casualissima), questi sono tutti gli ingredienti di un romanzo fantasy. Le origini di questo tipo di genere narrativo sono da ricercare nella mitologia, ed è da lì che tantissimi autori prendono spunto per scrivere le loro opere. La narrativa fantastica è probabilmente quella che contiene più sottogeneri. Abbiamo l’high fantasy (o fantasy epico), il grim dark, il new weird, l’urban fantasy, lo sword and sorcery (o fantasy eroico), il light fantasy (o fantasy umoristico), il fantasy contemporaneo e moltissimi altri.

Cito giusto un paio di autori e i loro romanzi, ma ne puoi trovare altri in questo articolo. Sicuramente i grandi classici come Il Signore degli Anelli di Tolkien e Conan il Barbaro di Robert E. Howard. Oppure il più moderno George R.R. Martin con le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco.

Giallo

Un mistero da risolvere, un investigatore, poliziotti e un sacco di persone che hanno visto tutto ma non sanno niente. Questo è il sunto del genere giallo, che probabilmente è il genere più schematico di tutti. In questo tipo di narrazione seguiamo l’investigatore alle prese con un omicidio o un furto, e non si ammettono varianti. Per questo sono nati sottogeneri che a loro volta cercano di cambiare questo schema. Nel thriller ad esempio oltre che l’investigatore vediamo anche cosa fa il criminale. Nel poliziesco seguiamo figure istituzionali ed è molto fedele la riproduzione delle procedure. Nel noir il protagonista è l’ambientazione, in questo tipo di romanzi infatti è la società ad aver prodotto il crimine e il criminale, e l’investigatore, la vittima e il colpevole sono prodotti di questa.

Per il giallo consiglio il classico Sherlock Holmes di Arthur Conan Doyle o i romanzi di Agatha Christie. Se punti su roba più thriller invece, la trilogia Millennium di Stieg Larsson è un must read.

Horror

La letteratura dell’orrore non si basa sullo spaventare il lettore, ma sul generare in lui inquietudine. Solitamente l’horror è un genere che viene usato per esplorare i lati nascosti della mente umana, o per parlare di politica e dei lati oscuri della società. Argomenti così seri vengono esplorati mediante l’uso di creature mostruose, esseri sovrannaturali e fenomeni paranormali.

Avrei tantissimo da suggerire, ma mi limiterò a due donne, Mary Shelley e il suo Frankenstein e Shirley Jackson con L’incubo di Hill House. Poi non smetterò mai di citare il re ovviamente, Stephen King, e tutti i suoi romanzi.

Rosa

La narrativa rosa è quella più letta di sempre. Il tema centrale è l’amore, solitamente romantico, e prevede quasi sempre, o almeno nella maggior parte dei casi, un lieto fine.

Purtroppo devo ammettere le mie lacune in fatto di autori e libri in questo campo, perciò vi rimando a questa lista dove trovate i migliori romanzi di genere rosa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *